Progetto Papagaio: Fondazione Pesenti supporta il Centro nutrizionale di Farim in Guinea Bissau

La Fondazione Pesenti dal 2018 supporta a Farim in Guinea Bissau il centro nutrizionale, che segue circa 2000 bambini e le rispettive mamme in un’area gravemente colpita da denutrizione infantile.

Ecco alcune foto della preparazione e spedizione del container che è partito per la Guinea Bissau insieme ad un impianto fotovoltaico sponsorizzato (al 50%) dalla Fondazione Pesenti. L’impianto servirà a rendere indipendente per quanto riguarda l’illuminazione tutta la missione, dove si trova il centro nutrizionale Papagaio, intitolato a Franca Natta Pesenti ed a Vincenzo Tamborrino.

Il centro è nato per fare fronte ai crescenti costi dei prodotti per la nutrizione dei bambini e delle mamme, difficili da sostenere. Gli operatori del Centro hanno perciò pensato a un programma di “nutrizione alternativa”, valorizzando in modo adeguato i prodotti della Guinea Bissau e abbassando i costi della gestione. Si è resa perciò necessaria la realizzazione di una costruzione per poter utilizzare le risorse alimentari del posto, tenendo conto che il Centro segue i bambini dalla nascita, e anche prima, fino ai 24 mesi.

 

 


 

 

Secondo i dati del World Food Program, circa il 70 % della popolazione in Guinea Bissau vive sotto la soglia della povertà, con un’alta mortalità infantile e un tasso di malnutrizione cronica in tutto il Paese superiore al 25%. Circa l’85% della popolazione dipende dall’agricoltura come principale fonte di sostentamento, e gli anacardi costituiscono il principale raccolto. In totale, l’11% delle famiglie non sono in una situazione di “sicurezza alimentare”, una percentuale superiore al 50% in alcune zone del Paese.

L’insicurezza alimentare si lega all’instabilità politica, alle piogge irregolari e all’alta volatilità dei prezzi sia per il riso importato che per la produzione locale di anacardi.