Scuola e Lavoro | Fondazione Corsera e Fondazione Pesenti

Giovedì 11 ottobre 2018 – Nella cornice del Palazzo dei contratti e manifestazioni di Bergamo si è tenuto oggi l’incontro con Vittorio Colao e Dario Di Vico sul tema “Scuola e Lavoro. Cosa ci devono chiedere i giovani”.

Scuola e Lavoro: un nesso dialettico fra educazione ed esperienza, un legame organico tra conoscenza teorica e prassi professionale, un binomio complicato ma possibile. È da questa riflessione che prende avvio l’incontro con Vittorio Colao, condotto da Dario Di Vico, che segna anche il primo evento a Bergamo nell’ambito della nuova collaborazione tra Fondazione Pesenti e Fondazione Corriere della Sera.

Appuntamento a Bergamo nell’ambito del ciclo di convegni promossi da Fondazione Pesenti e Fondazione Corriere della Sera. Una importante collaborazione volta a sviluppare iniziative e incontri su temi di attualità, che siano di valorizzazione della rinnovata mission di Fondazione Pesenti, attenta all’innovazione e al sostegno di progetti e attività culturali per la creazione di nuove imprese di rilevante contenuto sociale sviluppate soprattutto dalle nuove generazioni.

Una efficace partnership tra imprese e sistema educativo è di importanza strategica per offrire alle nuove generazioni competenze e orientamenti fondamentali per il loro futuro professionale. È responsabilità sociale tracciare nuovi percorsi formativi integrati che colleghino a livello strutturale scuola e lavoro per costruire concrete opportunità economiche e di impiego in un confronto competitivo con il contesto economico globale. Ma responsabilità sociale significa analogamente continuare a sottolineare il valore della cultura anche sul piano delle conoscenze tecniche, quale elemento di coesione sociale, strumento di crescita e dimensione qualificante dei cittadini, nella convinzione che quello sui giovani sia il più redditizio tra gli investimenti.

Dov’è l’Italia in questo percorso? Cosa devono chiedere i giovani alle leadership aziendali e istituzionali? È da queste domande che parte la riflessione con Vittorio Colao, condotta da Dario Di Vico, che segna anche il primo evento a Bergamo nell’ambito della nuova collaborazione tra Fondazione Pesenti e Fondazione Corriere della Sera.

Vittorio Colao negli ultimi 10 anni ha percorso più di 1.250.000 miglia in aereo e 50.000 chilometri in bicicletta, guidando la trasformazione di Vodafone da società di telefonia a gruppo che spazia dai media alla comunicazione e maturando la convinzione dell’assoluta necessità di un crescente legame con la scuola e le università, possibile per aziende di ogni dimensione. “La velocità sta accelerando, ma ci sono anche cambiamenti di direzione. Siamo in un contesto in continua evoluzione di mutamenti tecnologici, sociali, politici. È un momento interessante, che richiede meno specializzazione e più umanità”.

Dopo la laurea in Bocconi e un Master in Business Administration alla Harvard University, inizia la sua carriera presso Morgan Stanley a Londra e successivamente McKinsey&Company a Milano. Nel 1996 diventa direttore generale di Omnitel Pronto Italia. Nel 1999, quando Vodafone acquisisce Omnitel, diventa amministratore delegato della divisione italiana.  Nel 2001 è Ceo di Vodafone per l’Europa Meridionale. Nel 2002 entra nel consiglio d’amministrazione e nel 2003 è Ceo regionale per Europa Meridionale, Medio Oriente e Africa. Nel 2004 esce da Vodafone per ricoprire la carica di amministratore delegato di Rcs MediaGroup. Nel 2006 ritorna in Vodafone con l’incarico di vice amministratore delegato per l’Europa e successivamente amministratore delegato del gruppo.

Dario Di Vico è editorialista e inviato del Corriere della Sera (già vicedirettore 2004-2009). È stato tra i promotori del blog La Nuvola del Lavoro e del laboratorio di ricerca Percorsi di Secondo Welfare. Laureato in Sociologia all’Università La Sapienza di Roma, ha lavorato per il quotidiano la Gazzetta del Popolo e i periodici Mondo Economico, Panorama, Il Mondo. Ha pubblicato Industrializzazione senza sviluppo (Interconsult), Profondo Italia (BUR, 2004), scritto con Emiliano Fittipaldi, Piccoli. La pancia del Paese (Marsilio, 2010), Milano/Nordest: la troppa distanza (Marsilio, 2012), Cacciavite robot e tablet (Il Mulino, 2014), scritto insieme a Gianfranco Viesti, Il Paese dei diseguali (Egea 2017). Ha vinto Il Premiolino, il Premio Sodalitas, e il Premio Fondazione Il Campiello.

Comunicato Stampa

Invito

GALLERY

Riguarda la diretta Facebook

Pubblicato da Fondazione Cav. Lav. Carlo Pesenti su Giovedì 11 ottobre 2018

Spread the word. Share this post!

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.