Shirin Ebadi premio Nobel per la Pace a Molte fedi 2018

Giovedì 20 settembre – Shirin Ebadi, premio Nobel per la Pace, inaugura la sezione “Conversazioni su Futuro” di Molte fedi 2018, con l’intervento “Una vita di rivoluzione e speranza” presso la Basilica S. Maria Maggiore – Città Alta, Bergamo,  l’iniziativa è promossa da ACLI Bergamo, con il supporto di Fondazione Pesenti.

Shirin Ebadi, premio Nobel per la Pace, inaugura la sezione “Conversazioni su Futuro” di Molte fedi 2018, con l’intervento “Una vita di rivoluzione e speranza” presso la Basilica S. Maria Maggiore – Città Alta, Bergamo,  l’iniziativa è promossa da ACLI Bergamo, con il supporto di Fondazione Pesenti, foto di Clara Mammana.

Una donna che ha intrapreso un lungo viaggio per trovare la strada della libertà per amore del suo popolo, sfidando le contraddizioni di una società segnata dall’oppressione e che porta avanti una lotta per il rispetto dei diritti dei più deboli. Shirin Ebadi è stata la prima donna a ricoprire la carica di giudice nella storia dell’Iran, ma la sua vita è cambiata drasticamente dopo la rivoluzione del 1979. Costretta a lasciare la magistratura e l’Iran a causa del suo impegno per la difesa dei diritti umani e civili continua a lottare per le libertà democratiche del suo paese.

Shirin Ebadi, nata ad Hamadan, è stata la prima donna a diventare magistrato nel suo paese. Nel 2003 ha vinto il Premio Nobel per la Pace grazie al suo impegno nella difesa dei diritti umani e a favore della democrazia. Dal 2009 vive in esilio volontario e porta avanti la sua campagna in difesa dei più deboli.

___________________________

approfondimenti:

Molte fedi 2018

Spread the word. Share this post!

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.