Festival Internazionale “Concerti d’Autunno” 2018

20 settembre 2018 – Ieri sera il duo Lucchesini Mirabassi ha aperto “I Concerti d’Autunno” in Sala Greppi. Fondazione Pesenti anche quest’anno supporta l’Associazione “Sala Greppi” nella realizzazione del XXXVII Festival Internazionale. “Concerti d’Autunno” 2018 giunto alla sua 37° edizione.

Quest’anno a Fondazione Pesenti è stato dedicato il concerto inaugurale del 20 settembre, che ha avuto come protagonisti Gabriele Mirabassi al clarinetto e Andrea Lucchesini al pianoforte. La serata ha avuto come oggetto la musica sudamericana e, in particolare, una selezione di canzoni di Jobim trascritte per clarinetto.

GABRIELE MIRABASSI 

Ha conseguito il diploma con lode in clarinetto nel 1986 presso il Conservatorio “Morlacchi” di Perugia.

È autore di musica jazz e lavora con numerosi artisti come Richard Galliano, Enrico Pieranunzi, John Taylor, Steve Swallow, Stefano Bollani, Stefano Battaglia, Roberto Gatto, Rabih Abou-Khalil e Edmar Castañeda.

Nel campo della musica classica ha collaborato con John Cage, Mario Brunello, Andrea Lucchesini, Marco Rizzi, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra d’Archi Italiana, la Banda Sinfonica dell’Estado de Sao Paulo, l’Ensemble Conductus, Orchestra Bruno Maderna e molti altri.

Partecipa sistematicamente a progetti di teatro, danza e canzone d’autore, insieme a Gianmaria Testa, Erri De Luca, Ivano Fossati, Sergio Cammariere, Mina, Giorgio Rossi, David Riondino e Marco Paolini.
Negli ultimi anni ha iniziato una ricerca approfondita sulla musica strumentale popolare brasiliana e sudamericana in genere collaborando tra gli altri con Guinga, André Mehmari, Monica Salmaso, Sergio Assad, il Trio Madeira Brasil e l’Orquestra a Base de Sopro di Curitiba.

Ha formato un suo trio “Canto di Ebano” ricevendo il Premio della Critica Arrigo Polillo come miglior CD dell’anno TopJazz 2008.

Ha un nutrito programma di opere solistiche per clarinetto e orchestra scritte per lui, con la volontà di far incontrare il repertorio colto con quello popolare.

ANDREA LUCCHESINI

Formatosi sotto la guida di Maria Tipo, Andrea Lucchesini ha ottenuto riconoscimenti internazionali sin da giovanissimo quando ha vinto il Concorso Internazionale “Dino Ciani” al Teatro alla Scala di Milano. Da allora si è esibito in tutto il mondo con importanti orchestre sotto la direzione di Claudio Abbado, Semyon Bychkov, Riccardo Chailly, Dennis Russell Davies, Charles Dutoit, Daniel Harding, Vladimir Jurowski e Giuseppe Sinopoli.
Il suo vasto repertorio , lo vede proporre programmi che spaziano dal repertorio classico a quello contemporaneo.

Nel 1994 ha ricevuto il premio internazionale dell’Accademia Musicale Chigiana e l’anno successivo il premio Franco Abbiati.

Una pietra miliare della sua vita professionale è la stretta collaborazione con il compositore Luciano Berio con il quale Lucchesini ha assistito alla creazione del suo impegnativo lavoro per piano solo, Sonata, che Lucchesini ha eseguito in tutto il mondo.

Altrettanto importanti sono le sue esibizioni del ciclo completo delle 32 sonate per pianoforte di Beethoven nelle principali sedi di concerti internazionali.

Numerose registrazioni documentano la sua carriera artistica.
Dal 1990 il pianista ha dedicato la sua attenzione anche alla musica da camera esplorando varie formazioni e vari repertori, compresa una collaborazione con il violoncellista Mario Brunello.

Andrea Lucchesini è appassionatamente dedicato all’insegnamento. Attualmente insegna alla Scuola di Musica di Fiesole, di cui è stato anche direttore artistico dal 2008 al 2016. È stato nominato Accademico di Santa Cecilia nel 2008. Viene frequentemente invitato a tenere corsi di perfezionamento in importanti istituzioni musicali in tutta Europa e funge da giuria. membro in numerose competizioni pianistiche internazionali.

salagreppi.it

Programma e libretto 

Spread the word. Share this post!

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.