Luis Sepúlveda a Molte Fedi 2017 con il supporto di Fondazione Pesenti

Venerdì 1 dicembreLuis Sepúlveda partecipa alla rassegna Molte Fedi sotto lo stesso cielo con l’intervento “La fine della storia” in dialogo con Marco Marzano docente universitario. La serata promossa dalle ACLI Bergamo, con il supporto di Fondazione Pesenti si è svolta presso la Basilica di Santa Maria Maggiore in Città Alta.

Luis Sepúlveda partecipa alla rassegna Molte Fedi sotto lo stesso cielo con l’intervento “La fine della storia” con il supporto di Fondazione Pesenti, foto di Clara Mammana.

“Stavo andando a un appuntamento che non avevo cercato né voluto, e ci stavo andando perché non si sfugge alla propria ombra…l’ombra di ciò che abbiamo fatto e siamo stati ci perseguita”. In La fine della storia, ultimo romanzo di Sepúlveda, l’appuntamento è del protagonista, sostenitore prima di Allende, poi sopravvissuto alla dittatura e ritiratosi in Patagonia da dove viene richiamato, ma anche delle spie dei servizi segreti russi, degli ultimi cosacchi approdati nel Cile dei colonnelli, di personaggi della Germania hitleriana ora transfughi. Una geopolitica di ieri e di oggi che attraversa il Novecento dall’Europa al Cile e ci chiama, da un altrove che non è poi tale, in causa…

Luis Sepúlveda, nato in Cile nel 1949, vive in Spagna nelle Asturie, dopo essere stato in vari paesi sudamericani, dove ha espresso il suo forte impegno politico e sociale, e poi in Europa. Ha ricevuto moltissimi riconoscimenti letterari, in particolare la Laurea honoris causa in Lettere dall’Università di Urbino, il Premio Chiara alla carriera e il Premio Hemingway per la Letteratura nel 2016. I suoi scritti molto noti ed amati dal pubblico italiano sono numerosissimi da Il vecchio che leggeva romanzi d’amore (1989) a Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare (1996) fino a La fine della storia, editi tutti da Guanda.

bergamopost.it

 

Spread the word. Share this post!

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.